Carnevale di Massafra

Carnevale di Massafra

Carnevale di Massafra

In Italia, ogni anno, in diverse città nel mese di febbraio si festeggia il Carnevale. In alcune città ci si maschera e ci si diverte, in altre vengono organizzate delle sfilate o parate con gruppi mascherati ma anche gruppi e carri allegorici. Oggi ti voglio parlare di un carnevale in particolare, quello di Massafra. Ci troviamo in puglia, esattamente in provincia di Taranto. Qui a Massafra ogni anno l’evento del carnevale, è una manifestazione, una tradizione molto sentita dal 1953.

La storia del carnevale massafrese 

Nel 1952 il centro ricreativo Assistenza Lavoratori di Massafra organizzò per la prima volta un corso mascherato a premi, diviso in tre sezioni separate: gruppi mascherati, maschere isolate e carri allegorici.

Dopo il grande successo, si decise di rendere l’edizione “carnevale massafrese” dell’anno successivo. Per organizzare al meglio questa manifestazione fu costituito il “comitato carnevale massafrese”. Il primo premio del Carnevale del 1953 salì a 12 mila lire e se lo aggiudicò “Disco volante” allestito dal gruppo di Roberto Caprara. La “Goldoni” presentò “I pagliacci”, che guadagnò il secondo premio mentre Antonio Pignatelli col suo fidato gruppo di amici conquistò il terzo, con l’ “Osteria della baldoria”. Premi di incoraggiamento vennero distribuiti ad altri 29 gruppi di adulti e di bambini. Durante l’ultima sfilata del martedì grasso alla fine c’era il carro funebre per annunciare la morte del carnevale.

Il palo della Cuccagna

Nel periodo del carnevale tra le manifestazioni antecedenti alle sfilate, viene organizzato il palo della cuccagna. Nella tradizione è costituito da un palo di legno infisso al suolo, lungo da sei a sette metri e dello spessore di venti centimetri circa, unto di grasso in cima al quale viene fissata orizzontalmente una ruota di legno che sostiene i premi il tutto legato da nastri e fettucce di seta. Le squadre si alternano nella salita palo e i concorrenti della stessa squadra, l’uno sulle spalle dell’altro, cercano di neutralizzare lo strato di grasso che avvolge il palo. Ma, sul più bello, il castelletto umano, non reggendo più al peso, scivola di colpo lungo il palo fino a terra, tra le risate, i fischi e gli applausi della folla. Lo spettacolo dura oltre un’ora e si conclude quando uno dei concorrenti, con uno sforzo estremo, raggiunge la cima dell’albero.

I cinque giovedì antecedenti alle sfilate

Dal 17 gennaio le feste si ripetevano a ritmo serrato tutte le domeniche e i giovedì, ognuno dei quali assumeva un proprio nome ed un particolare significato. Si avevano così: “giovedì dei monaci”, “giovedì dei preti”, “giovedì dei cornuti” (ossia degli sposati) “giovedì dei pazzi” (o dei giovani). “giovedì della cattiva” (cioè della vedova).

Il carnevale di Massafra oggi 

Sono passati quasi 70 anni dall’inizio del carnevale a Massafra, ancora oggi rimane una tradizione sentita dai cittadini. Vengono organizzate sflate delle scuole, delle maschere e dei gruppi allegorici, ma quella più attesa è dei carri allegorici, opere in cartapesta molto ale e grandi. 

Una caratteristica delle sfilate che si distingue dagli altri carnevali è che tutti sono protagonisti, nessuno spettatore, ovvero che chiunque vuole, mascherato o meno può partecipare alla sfilata sul corso davanti ai carri allegorici.

La città di Massafra ha anche delle maschere simbolo come Gibergallo (un pagliaccio vestito con un frac nero) e Lu Pagghiùsë (un contadino massafrese con una bisaccia e una cupa cupa).

Anche se nel corso degli anni ci sono stati diversi ostacoli e problemi legali alla manifestazione, ma nonostante tutto i carristi continuano a creare grandi opere di cartapesta.

Conclusione Carnevale di Massafra

Il carnevale di massafra bisogna viverlo, per questo invito tutti a organizzarsi e visitare massafra nel periodo del carnevale e godersi la sfilata con i gruppi e carri allegorici.

Per tutte le info sulla manifestazione puoi seguire le pagine Facebook e Carnevale di Massafra Fan club . 

In più se sei un appassionato di carnevale in tutte le sue vesti, dalle maschere alle sfilate in giro per l’Italia, ti consiglio di seguire la pagina facebook Carnevali D’Italia.

Bibliografia

E.jacovelli – F. Ladiana, quando a Massafra è carnevale 1982

Antonio Placido, Il carnevale a Massafra 1953/2004

Qui di seguito troverai alcuni video delle edizioni passate tra sfilate, balli e divertimento.

Tutti Protagonisti… Nessuno Spettatore

https://www.youtube.com/watch?v=l7CQGC60Vno

15 commenti

  1. Non conoscevo questa carnevale e devo dire che è un ottima occasione per visitare la zona nel periodo invernale. Mi piacerebbe godermi l’atmosfera festaiola carnascialesca in questo contesto. Grazie della dritta!

  2. Capisco che il carnevale sia un’occasione per divertirsi apprezzata da molti ma personalmente non mi piacciono i travestimenti e non mi sono mai sentita a mio agio alle feste di Carnevale. Adoro la Puglia e sono certa che Massafra saprà conquistarmi anche in un altro periodo dell’anno

    1. Anche a me non piace molto travestirmi, però adoro le sfilate dei carri allegorici. Vedere queste opere di cartapesta molto alti e grandi è qualcosa di indescrivibile.
      Poi sono gusti e abitudini.

  3. Interessante, sarebbe bello passare un weekend al carnevale di Massafra, potrei iniziare ad organizzarlo!

  4. Ecco un’altra cosa che non conoscevo della Puglia! Io adoro il Carnevale ed appena posso ci voglio andare

  5. Non sapevo che a Massafra si celebrasse un Carnevale così sontuoso e ricco! Devo proprio venire in Puglia e scoprire di più le sue tradizioni… Sorprende proprio in ogni stagione!

  6. Ci sono tante città che celebrano il Carnevale in modo fastoso, ma quello di Massafra proprio non lo conoscevo. Da come lo descrivi, sembra essere molto piacevole!

  7. Non conoscevo questo carnevale che sembra davvero molto sentito, d’altronde in Puglia le tradizioni sono davvero tanto sentite. Bisognerebbe davvero organizzare un viaggio invernale inusuale ma ricco di esperienze

  8. Le manifestazioni del carnevale a livello locale sono sempre alquanto esaltanti. Non conoscevo questa manifestazione ma deve essere splendida dal vivo

  9. Non lo conoscevo, ma è bellissimo che ogni borgo e ogni città abbia delle tradizioni così uniche legate al carnevale!

  10. Io ne avevo sentito parlare, ma non ci sono mai stata e non conoscevo nemmeno la sua storia. Grazie per averne parlato perché a me piace molto il carnevale e conoscere le loro origini.

  11. Che belli questi eventi legati alla tradizioni che riescono a coinvolgere tutta la popolazione di una cittadina. Non immaginavo si usasse fare ancora l’albero della cuccagna!

  12. Mi piacciono molto le feste tradizionali, anche da noi il Carnevale è una festa estremamente sentita e ogni anno cerco sempre di andare in un posto diverso in Slovenia o sul confine italiano a scoprirne di nuovi. Mi piacciono particolarmente le maschere tradizionali, antiche di secoli, più che i carri allegorici moderni, ma è l’atmosfera goliardica del carnevale a fare la differenza! Grazie per averi fatto conoscere questo carnevale di Massafra, di cui ignoravo l’esistenza!

  13. Fin da piccola ho amato in carnevale e ogni anno vivevo quello viareggino come una grande e divertente festa, non conoscevo questo di massafra ma mi piacerebbe vederlo.

  14. […] anche a questi articoli su Massafra che ti potrebbero interessare Massafra e le sue Gravine e Carnevale di Massafra 10 luoghi da visitare in […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: contenuti protetti!